Buongiorno Imprenditori. Riprendiamoci le Aziende, ripartiamo per farcela. Confedercontribuenti con voi.

Buongiorno imprenditori, ovvero buongiorno partite iva che riprendete e riprendiamo a lavorare, con la voglia di fare impresa e di non fermare la nostra voglia di lotta per far vivere le nostre imprese. Riprendiamoci le nostre aziende e ripartiamo. Senza arrenderci e senza smettere di lottare per avere, dal Governo Centrale e da quelli locali, i supporti necessari per fare andare avanti le aziende. E’ il buongiorno, nel giorno della ripresa del 90% delle attività in Italia, dal presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro. Si riprende ma non si molla per ottenere i giusti sostegni, per questo anche oggi sarà una giornata di lavoro, per salvare e supportare le imprese italiane, ma anche per stare a fianco dei tanti imprenditori che purtroppo non riusciranno a rialzare le saracinesche.

Finocchiaro (pres. Confedercontribuenti): Basta promesse, serve un supporto reale alle imprese. Fermate le tasse.

Dare supporto immediato alle imprese italiane e trovare soluzioni credibili per evitare di massacrarli con cartelle esattoriali e scadenze fiscali non affrontabili dalle imprese chiuse ormai da oltre due mesi. Riaprire una nuova rottamazione, compatibile nei pagamenti alla crisi che gli italiani stanno vivendo. Queste scelte devono costituire la vera svolta che il Governo dovrà  sceglie di attuare. Se non lo fa il Paese si rivolterà contro chi Governa. A dichiararlo il Presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, che aggiunge, basta ritardi al varo del Decreto Aprile, ora ovviamente Decreto Maggio, sperando davvero che sia la sintesi di misure e a proposte serie per non fare morire le imprese italiane.

Confedercontribuenti: Gualtieri, ministro incapace. Ha creato allarme fra gli italiani. Conte non scenda a patti sul MES

Se il Pd con il suo Ministro Gualtieri vuole essere al servizio dell’Europa peggiore e filogermanica, lo faccia. Conte colga il sentimento degli italiani e dica no. L’accordo sulla linea di credito Mes non va firmata e se i tedeschi insistono, nel loro modo di calpestare i diritti dei popoli europei, blocchiamo tutto e dichiariamo di essere pronti ad abbandonare patti e contribuzione verso la UE. Noi non perdoneremo, lo sappi Conte, qualsiasi posizione supina nei confronti di questa Europa, dichiara il Presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro. Come non consentiamo la facile pubblicità della Meloni e di Salvini, veri protagonisti della firma del MES. Adesso ridiamo al nostro Paese la dignità che merita, e diciamo basta alla dittatura dei tedeschi e degli scendiletto filoariani, che sono gli olandesi. Adesso basta. L’Italia non può subire le loro mortificazioni.

Finocchiaro (Pres. Confedercontribuenti): Forse l’Europa inizia a capire. Bene 100 miliardi per finanziare la disoccupazione. Sia il primo passo.

MILANO – In attesa di superare lo stallo su Mes e Coronabond, la Commissione europea lancia ufficialmente il suo primo strumento anti-crsi. Si tratta di SURE, un fondo europeo contro la disoccupazione (acronimo di Support to mitigate unemployment risks in emergency) che attraverso 25 miliardi di garanzie volontarie degli Stati permetterà di finanziare le “casse integrazioni” nazionali o schemi simili di protezione dei posti di lavoro. Inoltre sarà reso flessibile l’uso dei fondi non impegnati nella coesione sociale (fondo di sviluppo regionale, fondo sociale e fondo di coesione) per mobilitare le risorse per fronteggiare gli effetti della crisi sanitaria. Saranno 100 miliardi di euro e questo significativo passo, lo salutiamo favorevolmente, dichiara il Presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, a condizione che nei prossimi giorni non spuntino norme e condizioni capestro per gli Stati piu’ esposti al Coronavirs, e che questo costituisca il primo passo del supporto comunitario verso i suoi Stati membri..

 

Coronavirus, Confedercontribuenti chiede subito decreto fiscale di sospensione adempimenti