La Sicilia protagonista della Biennale di Salerno

La Sicilia protagonista della Biennale di Salerno
“Questa è una rassegna internazionale di altissimo livello e siamo qui anche per dare la nostra testimonianza dopo uno dei periodi più difficile della pandemia, che ha fermato il mondo, ma non l’Arte che ha continuato lo stesso a creare, trasferendo in immagini quello che è avvenuto intorno a noi”. A dirlo i pittori siciliani Lorenzo Chinnici e Dimitri Salonia, entrambi 80 anni e con oltre 60 anni di carriera, tra i super ospiti alla IV edizione della Biennale di Salerno, che resterà aperta fino al 21 Novembre. Sono 233 gli artisti che partecipano alla rassegna e provengono da 35 Stati diversi, rendendo la kermesse sempre più importante ed internazionale. I siciliani Chinnici e Salonia sono tra gli ospiti insieme ad altri artisti molto noti come Rabarama, molto nota per le sue splendide statue. Salonia e Chinnici, di recente, hanno realizzato due opere fatte a quattro mani dal titolo “Natura vince” e “Aquarium”, dove hanno analizzato sotto il profilo artistico proprio il periodo del Covid facendo intuire con le immagini e i loro splendidi colori, come alla fine la natura prevalga su tutto, e ristabilisca l’equilibrio nel mondo. I due maestri dopo la Biennale, proseguiranno il loro tour artistico nazionale ed internazionale, che quest’anno ha già toccato Stresa e Castrocaro e vedrà loro mostre anche a Roma, Cannes, Shanghai, Dubai, Toronto ed altri importanti luoghi, dove cercheranno di trasferire con le loro opere a visitatori di tutto il mondo i colori e le tradizioni della Sicilia.
Vedi: La Sicilia protagonista della Biennale di Salerno
Fonte: Androkons Cultura