Demanio: ad Anacapri Fortini costieri per sviluppo turismo sostenibile

Vengono trasferiti al Comune “Fortino Orrico” e “Fortino Mesola””, torri di avvistamento di origine borbonica che fanno parte del complesso dei “Fortini costieri di Anacapri, edificati tra il IX ed il XV secolo per proteggere Capri dalle scorrerie dei pirati.

Distrutte dai corsari saraceni, agli inizi del XIX secolo, questi antichi presidi militari furono ricostruiti da britannici e francesi che, in fasi temporali differenti, entrarono in possesso dell’isola agli inizi dell’Ottocento. I fortini rappresentano oggi per la comunità isolana elementi identitari imprescindibili.

Sono raggiungibili  grazie a un sentiero che connette anche la famosa Grotta Azzurra con il faro di Punta Carena. Il programma di valorizzazione predisposto dal Comune di Anacapri, per ottenere il  trasferimento di proprietà dei Fortini grazie al federalismo demaniale culturale, si pone l’obiettivo di porre questi beni, che caratterizzano i sentieri anacapresi, al centro della fruizione pubblica da parte della comunità locale e dei visitatori dell’isola mediante il loro inserimento in itinerari per il turismo naturalistico, culturale, esperienziale e sostenibile, arricchito da un programma annuale di eventi come readings, concerti e spettacoli.