Affidamento casolare “Trappisa di sotto” a Bagno di Romagna: al via al bando per la creazione di strutture ricettive

Affidamento casolare “Trappisa di sotto” a Bagno di Romagna: al via al bando per la creazione di strutture ricettive

Al via al bando di gara per aggiudicarsi l’antico casolare “Trappisa di sotto” nel comune di Bagno di Romagna.  Ne dà notizia il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, che sottolinea l’importanza del percorso intrapreso per restituire alla Comunità la fruibilità pubblica di numerosi siti del territorio: “Come fatto qualche giorno fa per il

Al via al bando di gara per aggiudicarsi l’antico casolare “Trappisa di sotto” nel comune di Bagno di Romagna. 

Ne dà notizia il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, che sottolinea l’importanza del percorso intrapreso per restituire alla Comunità la fruibilità pubblica di numerosi siti del territorio:

“Come fatto qualche giorno fa per il complesso di Rio Salso, siamo soddisfatti di poter annunciare un percorso di valorizzazione anche per il fabbricato “Trapisa di sotto” nella bellissima valle di Pietrapazza, una zona davvero suggestiva perché, seppur pressoché disabitata, è ancora molto ricca dei segni dell’uomo, con ponti, mulattiere, piccoli borghi, chiese, in un ambiente naturale incontaminato. Per questo ci auguriamo di incontrare la disponibilità di nuovi operatori interessati a gestire il sito per i prossimi anni con una funzione turistico-ricettiva, in uno dei posti più belli del nostro Comune”.

L’immobile si trova a circa 6 chilometri dalla frazione di Poggio alla Lastra, al confine del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Fino a qualche anno fa era utilizzato quale casa per ferie per gruppi e/o famiglie, e nell’avviso viene esplicitato l’utilizzo con “priorità per le finalità turistico ricettive, ovvero attività che concorrono alla formazione dell’offerta turistica”.

Conclusa la fase dell’avviso seguirà procedura negoziata, finalizzata propriamente alla individuazione e selezione del soggetto gestore con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

La durata della concessione è di 9 anni, prorogabili fino a 19 in presenza di interventi di manutenzione superiori al canone di concessione o progetti di gestione di particolare interesse ed articolazione da parte del concessionario. Al bando possono partecipare persone fisiche o giuridiche, singole o costituite in raggruppamenti temporanei, presentando domanda entro le 12:00 del 26 agosto.

Per maggiori dettagli clicca qui.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos