Articoli

NUOVI VOUCHER PER IL LAVORO OCCASIONALE

Oggi (10 luglio 2017) partono PrestO e libretto famiglia, nuovi strumenti per il lavoro occasionale

Stop al tagliando cartaceo e  sanzioni salate in caso di violazioni. Con queste novità è atteso oggi il debutto del libretto famiglia e del contratto di prestazione occasionale, introdotti dalla manovra d’estate (decreto legge 50, convertito dalla legge 96/2017), per colmare il vuoto normativo lasciato dai vecchi voucher, abrogati il 17 marzo scorso.

Il tutto si farà on-line sul sito INPS previa registrazione e pin.

Possibile anche effettuare l’operazione attraverso il call center dell’Istituto, o chiedere assistenza a patronati e intermediari abilitati: possibilità, quest’ultima, che dovrebbe essere disponibile entro fine luglio (come indicato nella circolare 107).

Scompare così il voucher cartaceo, sostituito da posizioni contabili all’INPS. I committenti – famiglie, imprese, autonomi, professionisti, P.A. – dovranno aprire una specie di conto dove accumulare la “provvista” per pagare le prestazioni occasionali.

Alla piattaforma digitale si dovranno registrare anche i lavoratori occasionali, ai quali l’INPS accrediterà (sempre via web) i compensi entro il 15 del mese successivo alla prestazione e inoltrerà i contributi assicurativi all’INAIL, oltre a trattenere i costi di gestione.

voucher

“Questa nuova normativa  garantirà più lavoro in nero. Grazie alle scelte scellerate del governo che ha ceduto alla CGIL. Una buona legge per fare comizi, una pessima legge per dare lavoro regolare” – commenta il presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro.

CONFEDERCONTRIBUENTI, BASTA IPOCRISIA SULLA VICENDA VOUCHER . HANNO CONSENTITO DI FAR EMERGERE ORE DI LAVORO IN NERO. NON SERVE UNA GUERRA IDEOLOGICA.

Si parla spesso di lavoro sommerso, disoccupazione precarietà e colpe politiche,  l’opinione di Confedercontribuenti che ogni giorno testa obiettivamente  la realtà.

Roma, 28 dicembre 2016 – Per contrastare il ricorso al lavoro sommerso nel 2003, durante il Governo Berlusconi, fu emanata la Legge Delega  30/2003 che  prevedeva l’emissione di voucher per il pagamento del lavoro accessorio. Il valore nominale parte da €10 compresi di quota INPS e INAIL. Vengono apportate delle modifiche con la Legge 191/2003, sempre con  il Governo Berlusconi, con la quale si amplifica la rosa dei committenti. Nel corso degli anni sono state emanate anche circolari dell’INPS che fornivano sempre più nuove indicazioni operative.

Con il Decreto Legislativo 81/2015 si sono  abrogati e sostituiti alcuni articoli del 2003 oltre ad avere introdotto la tracciabilità degli stessi per evitarne un uso indiscriminato o abuso.

Si parla per il 2017 di referendum per abolire l’uso dei voucher oltre ad un boom nell’uso degli stessi, pertanto siamo di fronte alla classica controversia tutta italiana.

Vogliamo realmente contrastare il sommerso e che le imprese continuino a produrre?

“I voucher  hanno permesso di  garantire oltre al corrispettivo per un lavoro anche la contribuzione seppur temporanea che altrimenti sarebbe avvenuto  in nero. E’ uno strumento che per alcuni periodi è utile  per le imprese che nonostante la crisi cercano di rimanere a galla offrendo lavoro seppur accessorio. Ben vengano le azioni di  controllo  e monitoraggio  che permettano di utilizzarne i  dati   al fine di  farci capire quale metodologia serva per contrastare realmente il lavoro sommerso e soprattutto la precarietà non solo giovanile ma di molti over 35 tenendo conto sia dei diritti del lavoratore che  del datore. Spesso per una impresa potrebbe bastare  qualche ora di prestazione per completare un progetto del cui risultato ne gioverebbe essa e il lavoratore. Pertanto è  utile che i voucher restino ma che vengano comunque monitorati e denunciati casi di abuso da parte di imprenditori e committenti senza scrupoli. La precarietà è il risultato della forte crisi economica che il Paese sta attraversando e che non si sconfigge  eliminando i voucher ma intervenendo sulle politiche di sviluppo economico e di internazionalizzazione del sistema – Italia” – interviene Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.