Nelle Marche fondo da 2,2 milioni di euro per armatori e pescatori costretti al fermo

 

Il sostegno è legato all’arresto temporaneo dell’attività di pesca avvenuto tra l’1 febbraio ed il 31 dicembre 2020. Domande al Sigef entro il 3 settembre

È di circa 2,2 milioni di euro la dotazione finanziaria prevista dalla Regione Marche per attenuare l’impatto dell’emergenza sanitaria nel settore della pesca, con contributi sotto forma di premi per l’arresto temporaneo dell’attività quale conseguenza della pandemia.
A beneficiarne sono gli armatori di imbarcazioni che esercitano attività di impresa di pesca iscritte in uno dei Compartimenti marittimi della regione, compresi i pescatori che svolgono l’attività professionale in forma autonoma e che armano in proprio il peschereccio.

Il sostegno è legato all’arresto temporaneo dell’attività di pesca avvenuto tra l’1 febbraio ed il 31 dicembre 2020, ancorché per periodi non continuativi, come conseguenza dell’epidemia e puntualmente comunicato agli uffici marittimi competenti. Verrà corrisposto all’impresa di pesca, per ogni imbarcazione, in funzione del numero di giorni di sospensione dell’attività di pesca e della stazza del peschereccio.

Tra i requisiti richiesti, per ogni imbarcazione, quello di aver svolto, nei due anni precedenti (2018 e 2019) un’attività di pesca in mare per almeno 120 giorni e di essere regolarmente armata ed equipaggiata.

Previste due tabelle per il calcolo del sostegno a seconda del fatto che l’armatore, per i periodi di sospensione dell’attività di pesca, abbia posto o meno il personale di bordo previsto dalla tabella minima di armamento in cassa integrazione oppure abbia usufruito di altre tipologie di ammortizzatori sociali, sostenendo pertanto tale costo con risorse pubbliche. La domanda va compilata e trasmessa solo tramite la piattaforma informatica regionale Sigef entro il prossimo 3 settembre.Il sostegno sarà erogato per tutte le imbarcazioni delle imprese richiedenti in possesso dei requisiti di ammissibilità. Qualora le risorse necessarie a soddisfare l’importo complessivo di tutti i premi superassero la dotazione finanziaria disponibile, si procederà ad una riduzione proporzionale fino a concorrenza delle risorse stanziate.

 

 

Fonte: Agrisole

Per info 0953286784 – info@eosconsulenza.eu

Condividi