La furia razzista a Torre Maura,quartiere di Roma

 

                                                                  

di Lillo Venezia

 Torre Maura quartiere  di Roma sud, periferico quanto basta, gli abitanti residenti si rivoltano contro la decisione dell’Amministrazione capitolima di fare risiedere una settantina di Rom in un edificio di proprietà del comune. A capo della rivolta gli immancabili fascisti coatti romani di Casapound e Forza Nuova che  incendiano macchine, cassonetti e gomme  per impedire l’arrivo dei Rom, tra cui la metà bambini. Prevedibile e facile la oresa su gli abitanti del quartiere, che  vive in un degrado umiliante e dove i 5 Stelle e la sindaca hanno preso tantissimi voti persino dai fascisti su promesse  di riqualificazione che non sono state affatto mantenute, Anzi la situazione è peggiorata, permettendo ai gruppi fascisti di prendere piede. Risultato della rivolta è stato il passo indietro immediato della Raggi ” li ricollecheremo- ha dichiarato-” per poi rimangiarsi come è consuetudine dei 5 Stelle la decisione, dicendo che la democrazia non può essere sopraffatta dai gruppi fascisti. Un passo indietro anche perchè la procura di Roma ha immediatamente aperto una inchiesta per odio razziale nei confrotni dele organizzazioni fascisti ed anche nei confronti dei pi+ eagetati dei residenti nel quartiere. L’Agi, agenzi di stampa, incredibilemnte ha intitolato il suo servizio giornalistico, adducendo una vittoria quasi entusiasmante della protesta per la marcia indietro della Raggi. Un titolo vergognoso come vergognoso il servizio asettico fatto sulla protesta, dove oltra alla solita vilenza di incendi eblocchi delle strade e del mezzzo che trasportava i Rom, oltra i soliti slogans facsisti, questi nostalgici del passato gridavano pure che quei Rom dovevano morire di fame. Per meglio dare l’idea, hanno pestato tutti i panini che erano stati preparati , coinvolgendo in ciò parecchi abitanti del quartiere inferocti e strumentalizzati da gente che vuole incutere aolo terrore ed insicurezza. Ma a mio parere ciò non assolve certamente quegli abitanti che hanno partecipato attivamente ad una azione vioenta contro gente inerme soprattutto ragazzini, anche con slogans villenti inumani, degne  di esseri abominevoli. D’altra parte a Torre Maura non è cambiato alcunchè, anzi. Come si fà a definire ciò una vittoria, se non che ha vinto la politica di gruppi a cui interessa solofare una politica di terrore e fomentare nella gnet che non ha nulla solo insicurezza ed intolleranza verso persone più deboli di loro che già sono deboli. E cò è dimostrato dal fatto che i fascisti non sisono fermati, perchè si sentono impuniti, tanto il mistro degli interni è uno di loro, tanto che lo Stato ha abdicato alla sua funzione di legalità non sgomberando il palazzo, di proprietà governativa, di Casapound a Roma occupato abusivamente  da anni.

Fonte: Editoriali di Quotidiano dei Contribuenti
Leggi tutto sul quotidiano: La furia razzista a Torre Maura,quartiere di Roma

Condividi