Banca Base dopo l’assemblea di Confedercontribuenti il commissario autorizza prelievi di 250 euro ed utilizzo somme accreditate dopo il commissariamento

Dopo l’assemblea  promossa di Confedercontribuenti e  i solleciti avvenuti anche ieri mattina presso il dipartimento del Tesoro  autorizzata operatività per 250 euro e utilizzo somme accreditate dopo il commissariamento.

Dalla notizia del blocco dell’operatività dei clienti di Banca Base, Confedercontribuenti non ha smesso di difendere su diversi fronti le imprese e famiglie coinvolte, sollecitando l’opinione pubblica e inoltrato richieste al MEF e Banca d’Italia. Ieri mattina (22 febbraio 2018)  un ennesimo sollecito al dipartimento del Tesoro ha preceduto l’assemblea che ha visto la partecipazione di circa un centinaio di persone. A seguito di tale assemblea si legge un comunicato del commissario straordinario che con parere favorevole del Comitato di sorveglianza consente ai depositanti, in una misura contenuta  di complessive euro 250,00 ciascuno, di operare un corrispondente prelevamento.

“Siamo  estremamente soddisfatti  che la nostra battaglia abbia avuto i primi risultati e che da oggi i depositanti potranno procedere ad un prelievo iniziale di complessivi euro 250,00 ciascuno e  utilizzo delle somme accreditate dopo il commissariamento.  E’ solo il primo traguardo della battaglia che vedeva ledere la dignità delle persone” – interviene il presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro.

Confedercontribuenti, chiedendo urgente incontro con il commissario,  non abbasserà comunque l’attenzione sino a che sarà garantita l’operatività totale e che a pagare eventuali irregolarità non siano i clienti.

CondividiShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *