Acquisto mascherine e DPI: quali incentivi per imprese e professionisti

Rimborso del 100% a fondo perduto con il bando impresa sicura, che prende il via l’11 maggio, e credito d’imposta sanificazione del 50% sono le opzioni in campo per le imprese alla ricerca di incentivi per sostenere l’acquisto di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale. Scelta obbligata invece per I professionisti che potranno accedere solo al bonus per le spese di sanificazione, come ampliato dal decreto liquidità. Una corretta valutazione degli strumenti messi in campo dal governo per sostenere le difficoltà economiche causate dall’emergenza coronavirus permette di adottare la giusta strategia per massimizzare il beneficio e abbattere I costi sostenuti. Quali sono le caratteristiche delle due agevolazioni?

Le imprese che acquistano mascherine e altri dispositivi di protezione individuale (dpi) possono scegliere tra più incentivi per abbattere il costo sostenuto. I professionisti, invece, hanno al momento una sola opzione. Il decreto cura italia (d.L. N. 18/2020) recentemente convertito in legge (l. N. 27/2020), e il decreto liquidità (d.L. N. 23/2020) ancora in attesa di conversione, hanno introdotto due diversi strumenti di agevolazione per le imprese, peraltro parzialmente sovrapposti ma non coincidenti in merito alla tipologia di spese ammissibili.
Tuttavia, l’operatività dei due strumenti non agisce in parallelo, pertanto I potenziali beneficiari possono valutare entrambe gli strumenti, anche se non potranno cumulare gli incentivi.

Rimborso del 100% per l’acquisto di dpi

Fonte: Eos consulenza
Leggi tutto: Acquisto mascherine e DPI: quali incentivi per imprese e professionisti

Condividi