Free songs
giornata-internazionale-delle-persone-con-disabilita

GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ . PER CONFEDERCONTRIBUENTI CON LA LEGGE DEL “DOPO DI NOI” L’INIZIO DI UN SEGNALE POSITIVO DI RISPETTO E TUTELA

dic 3 • Le posizioni di Confedercontribuenti • 168 Views • Nessun commento su GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ . PER CONFEDERCONTRIBUENTI CON LA LEGGE DEL “DOPO DI NOI” L’INIZIO DI UN SEGNALE POSITIVO DI RISPETTO E TUTELA

Giornata istituita nel 1981 con lo scopo di diffondere e promuovere la conoscenza sui temi della disabilità, il parere di Confedercontribuenti

Roma, 3 dicembre 2016 –  Quando si parla di disabilità si pensa all’inclusione ma di pari passo va la tutela della dignità della persona e del rispetto della diversità.

Condividendo l’intenzione di creare un momento di riflessione sul tema della disabilita entro il  2030 ci si propone di raggiungere degli obiettivi.  Molti, sicuramente, rimarranno sulla carta e si tireranno in ballo solo in convegni e giornate dedicate ma rispetto allo scorso anno si è fatto un passo avanti con la Legge “Dopo di Noi” approvata il 16 giugno u.s.  Il disabile è sempre legato alla figura di un familiare che lo assiste ed il problema ed il dubbio per una famiglia che assiste un disabile era  l’incertezza del dopo. Il DDL  a cui sono stati stanziati 90 milioni di euro nel 2016, contiene disposizioni per affrontare il futuro delle persone con disabilità dopo la perdita del familiare che si prendeva  cura di loro.

Ogni giorno  pero ci sono disagi e disservizi legati soprattutto alla cavillosa macchina burocratica italiana nella quale bisogna barcamenarsi per il riconoscimento dei propri diritti.

Per i minori per esempio bisogna combattere tra servizi sanitari, problemi legati  alla scuola e dulcis in fundo bisogna sottostare al funzionario  coscienzioso dell’INPS per il riconoscimento dei ratei estivi dell’indennità di frequenza nonostante tramite PEC si siano inviati vari certificati.

Per gli adulti, la cui disabilita é  stazionaria, c’è  da stare dietro ai piani terapeutici nonché per  una dignità avere anche la possibilità di una occupazione che possa gratificare oltre a dare una piccola autonomia economica.

Una problematica che invece coinvolge tutti, minori ed adulti,  è l’integrazione, quella vera non solo negli slogan pubblicitari.

“Ci sono molte barriere architettoniche nonché mentali che ci vengono segnalate ed auspichiamo che con il nostro aiuto si possano attenuare come siamo positivi  rispetto alla legge Dopo di Noi che risolve ed attenua le angosce dei familiari della persona speciale” – commenta Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti che qualche mese fa ha rappresentato per esempio,  le problematiche legate agli insegnanti di sostegno.

 

 

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInPrint this page

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »