Free songs
cis

FALLIMENTI A RAFFICA AL CIS DI NOLA, CONFEDERCONTRIBUENTI CHIEDE INDAGINE DELLA DIA. MANIFESTAZIONE A NOLA IL 18 GIUGNO PER DENUNCIARE LE VESSAZIONI CHE SUBISCE L’IMPRENDITORIA ITALIANA.

mag 13 • Banche • 1900 Views • Nessun commento su FALLIMENTI A RAFFICA AL CIS DI NOLA, CONFEDERCONTRIBUENTI CHIEDE INDAGINE DELLA DIA. MANIFESTAZIONE A NOLA IL 18 GIUGNO PER DENUNCIARE LE VESSAZIONI CHE SUBISCE L’IMPRENDITORIA ITALIANA.

Roma, 14 maggio 2016 – Il CIS di Nola fu inaugurato nel 1986, dal presidente del consiglio dei ministri pro tempore, Bettino Craxi.
Rappresentava il centro commerciale all’ingrosso di moderna concezione più grande d’Europa.

Per la costruzione del Centro, ogni socio ha partecipato, con quote proporzionali ai metri quadrati di capannone per l’esercizio dell’attività del commercio all’ingrosso.
Così è stato per tutti i primi 200 soci sino a quando non sono arrivati i contributi previsti dalla Legge 41; dopo tutte le pattuizioni previste nel preliminare di acquisto furono fatte con  un contratto di leasing della durata di 16 anni con scadenza al 31 ottobre 2002.
Il contratto di leasing per ogni singolo socio, trasferiva al CIS la gestione unitaria e complessiva del contributo statale e del finanziamento agevolato dimostrando massima solidità del consorzio e soprattutto massima fiducia del presidente Giovanni Punzo, abile imprenditore con presunti buoni rapporti con la camorra.

Alla scadenza, secondo logica, ci sarebbe stato il riscatto dei capannoni ma ciò non è avvenuto per mancanza di volontà del presidente Punzo che qualche anno avrebbe chiesto un grosso mutuo da circa 300 milioni alla Unicredit, diventato un sub-mutuo che avrebbero dovuto saldare i soci CIS, i quali all’epoca avrebbero sottoscritto una girata in bianco richiesta da  Punzo, mentre gli istituti di credito, al tempo stesso, accendevano un’ipoteca sui capannoni.

Oggi 100 soci risultano insolenti e una trentina sottoposti a procedura fallimentare.

“Come è stato possibile, nonostante il passato di Punzo “vicino” alla camorra, che Unicredit gli abbia affidato centinaia di milioni di euro?” – interviene Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.

Il sub mutuo che Punzo avrebbe obbligato a sottoscrivere ai soci risulterebbe nullo per violazione del patto commissorio oltre al fatto che prevedrebbe vantaggi usurari tipo “mi prendo il capannone se non paghi!”.

Bisogna fare chiarezza! – continua Finocchiaro.

La Banca d’Italia organizzò a luglio 2014 una iniziativa per instaurare, in maniera sempre più diretta, un dialogo con le imprese del territorio, individuando il Distretto CIS-Interporto-Vulcano Buono, che con 1.000 aziende – 9.000 addetti – 15 milioni di visitatori ed un indotto di oltre 40.000 unità,  definendola la  sede ideale per affrontare i temi relativi all’attuale congiuntura economica regionale.

 “Così non è stato! Ad oggi abbiamo 100 imprese insolventi e 30 dichiarate  fallite.  Noi di Confedercontribuenti vogliamo che l’economia riparta: Ci ritroveremo tutti alla nostra manifestazione Nazionale a Nola (NA) il prossimo 18 giugno per riaccendere il faro su uno scandalo che ha colpito decine di imprenditori da parte di potenti affaristi alleati con il sistema bancario e dire basta alla  distruzione della piccola e media impresa italiana che subisce ogni giorno vessazioni. Nella stessa giornata presenteremo alla Direzione Investigativa Antimafia la richiesta di apertura indagini sulla tutta la vicenda”. conclude Finocchiaro.

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInPrint this page

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »