CONFEDERCONTRIBUENTI: PER CONTRASTARE CRISI AGRICOLA E ASTE GIUDIZIARIE NECESSARIA UNIONE ED ATTI CONCRETI DELLA POLITICA

Ad Acate nel ragusano assemblea sul tema delle aste giudiziarie e crisi agricola con la partecipazione del presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro accompagnato dal presidente Confedercontribuenti – Sicilia Avv. Bruno Viaggio.

Roma, 1 luglio 2017 – Questa mattina il movimento “Altragricoltura”, presieduto da Maurizio Ciaculli, – responsabile nazionale Confedercontribuenti antiracket e antiusura, ha promosso un incontro ad Acate nel ragusano presso il Castello dei Biscari per dar seguito alle rivendicazioni e far fronte comune sulla grave crisi agricola e le conseguenze disastrose delle aste giudiziarie. Intervenuta a sostegno dell’iniziativa Confedercontribuenti con la presenza del presidente nazionale Carmelo Finocchiaro e il presidente Confedercontribuenti Sicilia l’avv. Bruno Viaggio.

Il presidente Finocchiaro a seguito dell’assemblea ammonisce: – “ Non servono i professionisti dello sciopero della fame. Servono proposte di coinvolgimento delle istituzioni. C’è uno strumento legislativo buono, la legge 3/2012 ma è necessario che i comuni si facciano promotori degli OCC (Organismi di Composizione della Crisi) ed invito il sindaco di Acate a farsi promotore di tale iniziativa”.

Confedercontribuenti è disponibile a dare un supporto, coinvolgendo tutti senza strumentalizzare la battaglia.
Agli agricoltori il presidente Finocchiaro lancia un monito: – “Non vi isolate, la battaglia è comune. Dai parlamentari servono atti concreti di opposizione al patto commissario, sfratti ed esecuzioni. Non servono neanche disegni di legge perché non sarebbero discussi ma modifiche con emendamenti su altri decreti in discussione in Parlamento o lavorare sull’approvazione della proposta Paglia   che prevede  l’estinzione agevolata dei debiti pregressi insoluti sia delle persone fisiche e che  delle piccole e medie imprese verso gli istituti di credito”.

CondividiShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *